Libri
Il piacere di girare le pagine








Subscribe to "Libri" in Radio UserLand.

quaranta

Click to see the XML version of this web page.

Click here to send an email to the editor of this weblog.


 12/26/05
 12/24/05
 12/22/05
 12/20/05
 12/19/05
 12/18/05
 12/17/05
 12/16/05
 12/15/05
 12/13/05
 12/13/05
 12/12/05
 12/11/05
 12/8/05
 12/7/05
 12/6/05
 12/5/05
 12/5/05
 12/1/05
 11/30/05
 11/29/05
 11/27/05
 11/26/05
 11/25/05
 11/25/05
 11/24/05


miniXmlCoffeeMug.gif miniXmlButton.gif


lunedì 27 ottobre 2003
 

Ho pensato di tacere, ma poi ho cambiato idea, non è giusto. Chissà quanti altri sono come me, può far piacere ritrovarsi.

Tutti maschi ovviamente. Sono cose che una donna non può nemmeno capire, forse è scritto nel nostro dna, quello di scimmioni violenti pronti a cedere agli istinti. In fin dei conti non è passato molto tempo da quando usavamo la clava, i continenti si sono mossi a malapena.

Insomma lo dico: ogni tanto leggo libri di storia militare. Lo so è una cosa orribile, lo riconosco.

Che poi insomma, è anche sgradevole, chi viene a casa e vede sulla libreria "Storia militare della seconda guerra mondiale", Von Clausevitz e Sun Tzu comincia a guardarmi male e cercare busti del duce e ritratti di Condoleeza Rice sulle mensole.

Come ho preso questa perversione è una storia lunga, che passa Civilization II ai libri di Clancy e che non interessa a nessuno, come l'adolescenza pipparola del pornografo.

Ve lo racconto perché mi sono letto "La Maschera del Comando", un libro di John Keegan (che non è il fratello del calciatore Kevin). K. è uno storico della guerra, inglese, che a parer mio scrive bene (ho letto altri libri suoi) e anche in questo caso non se la cava malaccio.

K. cerca di interpretare la psicologia di personaggi storici (Alessandro, Wellington, Grant e Hitler) e il loro stile di comando. Il Fil Rouge del libro è la risposta alla domanda "il comandante deve stare davanti assieme ai suoi uomini?". Per Alessandro la risposta è "sempre", per i due generali anglosassoni è "qualche volta", per Hitler è "mai".

Mi è piaciuta soprattutto la rievocazione di Grant, che nella vita civile era praticamente un fallito totale, e che invece attraverso la guerra è diventato persino presidente (un po' come Bush, con la guerra al posto del papà). Grant aveva abbandonato la carriera militare (nonostante gli promettesse carriera sicura, essendo uno dei pochissimi diplomati a West Point) dopo la guerra con il Messico, che riteneva ingiusta, prevaricatrice e colonialista. Solo lo scoppio della guerra di secessione lo richiamò al suo destino di figura storica.

Spicca la mancanza di Napoleone, che evidentemente non deve stare molto simpatico a Keegan (fra tanti ha scelto proprio Wellington) o forse perché era un doppione di Alessandro, più o meno.

In definitiva direi che è un libro che può piacere agli amanti del genere (uno zillesimo della popolazione mondiale, per fortuna).


9:13:57 PM      comment []



Click here to visit the Radio UserLand website. © Copyright 2005 Massimo Morelli.
Last update: 27/12/2005; 10.26.44.site index

Ottobre 2003
Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
Set   Nov


Top 5 hits for La meravigliosa gestione delle Autostrade on..
Google
1.Massimo Morelli's Weblog
2.Massimo Morelli's Weblog
3.Massimo Morelli's Weblog
4.Massimo Morelli's Weblog
5.Massimo Morelli's Weblog

Help link 27/12/2005; 10.25.01.