Massimo Morelli's Weblog
A personal weblog on technology, science, books etc..








 

DM vs Lions 0405

Ogni tanto mi chiedo chi me lo fa fare. Specie adesso, che sono completamente cappottato, senza quasi la forza di alzare un bicchiere (ho scritto quasi). La settimana scorsa sono stato fermato dalla pestilenza e il Due Madonne senza di me pare abbia giocato un'ottima partita a casa dalla capolista, cedendo nel finale dopo essere stato lungamente in vantaggio. 2-1 il risultato finale fra MaFe Autotrasporti e DM. La conclusione è che gioco male ma porto fortuna (o almeno così tento di farla passare). Oggi ho giocato ancora non completamente ripreso. Si sa che noi anziani ci trasciniamo a lungo i malanni e ci lamentiamo ad alta voce davanti alla televisione con il plaid a scacchi sulle ginocchia. Nel mio caso tutto quadra tranne il plaid a scacchi, perché il riscaldamento centralizzato mantiene a casa mia una temperatura tale che stiamo in costume tutto l'inverno.
 
La rissa di due partite fa è finita piuttosto male. Vittoria è stato squalificato fino al 30 maggio quindi per lui campionato finito. Severità un po' eccessiva ma anche prendere a cazzotti in faccia gli avversari non è proprio uno sfoggio di moderazione.
 
E' anche un freddo porco. "Hanno messo neve" così mi comunicano e mi chiedo dove l'hanno messa, chi e perché, ma non esterno le mie perplessità per non venir preso per un vecchio barbogio troppo legato a vecchi schemi linguistici. Mi sa che l'hanno messa qui attorno perché, non so se l'ho detto, è proprio un freddo porco. Infatti non c'è quasi pubblico, solo Ciuso e l'ex Roberto Renzi (uno dei più grandi pallonofagi della storia, però forte). Si comincia chiaramente in ritardo perché la partita precedente si trascina ben oltre le 17, quindi luci artificiali e freddo (porco).
 
Gino Bove è anche lui colpito dalla pestilenza, quindi il mister fa la classica mossa della disperazione mettendomi in attacco. La formazione è Erlis Lleshi in porta; Venturelli, Bullegas, Pescatore, Miceli in difesa; Faggioli, Cuzzani, Colombaretti e Coppini a centrocampo; Isidoro Priola e Morelli in attacco. Si gioca contro i Lions (il Rotary alla prossima) squadra di metà classifica che però all'andata ci ha messo parecchio in difficoltà perché sono giovani, giocano e corrono. L'arbitro è un sosia di Cofferati che ha la tendenza a privilegiare le difese fischiando molti falli di confusione.
 
Il compito di chi scrive oggi non è facile, perché (Ciuso mi è testimone) si è sostanzialmente giocato al calcio e non sono successe quelle belle cose folcloristiche che tanto allietano le partite amatoriali (risse, sputi, capriole, lisci, nani e ballerine). Penso quindi che la terrò corta. Al primo minuto subito una occasione, triangolo fra Morelli e Miceli, bel pallone di ritorno e tiro in diagonale. Ottima parata del portiere e Isidoro segna un gol regolare che però il Coffy annulla inspiegabilmente. Fortunatamente così all'inizio Isi vince la tentazione di sciogliere Coffy nell'acido.
 
Loro giocano bene, soprattutto a centrocampo, e hanno una certa predominanza territoriale. Ma le loro punte sono pippe assolute quindi non sono mai pericolosi, e la cosa, come sanno bene quelli che hanno seguito il Due Madonne l'anno scorso, non è un bel segnale, perché la squadra avversaria (in questo caso noi) prende fiducia e comincia a discendere le valli con orgogliosa sicurezza. Verso la fine del primo tempo un'altra grossa occasione per noi, in una mischia Isidoro tira sul portiere. Quando il tempo è quasi finito un difensore dei Lions pensa bene di tirare una stecca a Coppini in area. Rigore evidente che Bullegas trasforma. 1-0 e fine primo tempo. Mentre si va negli spogliatoi c'è una violenta contestazione di Venturelli a Coffy che mi sono perso perché stavo facendo due chicchiere con Ciuso e Renzi.  Ciuso mi ha battezzato "attaccante di manovra" che è un eufemismo per dire "uno che non fa gol neanche se la palla gli sbatte contro".
 
Il mister sostituisce Venturelli con Pellegrini per evitargli guai peggiori e si ricomincia. Tutto uguale, loro attaccano ma non sono pericolosi (qualche tiro da fuori scalda le mani a Erlis), noi ci proviamo in contropiede. La fatica comincia ad annebbiarmi la vista, anche se non riuscendo nemmeno a correre non capisco perché dovrei essere stanco (ma vallo a dire alle mie gambe). In più per una volta che gioco in attacco mi marca uno abbastanza forte. Non so bene cosa è successo poi, se non che dopo qualche minuto Isidoro difende un bel pallone sulla riga di fondo e lo mette in mezzo. Il pallone è troppo indietro per me ma arriva da dietro Colombaretti che segna facilmente. 2-0. Neanche il tempo di rilassarsi che Pellegrini stende in area uno dei loro. Rigore. Erlis non sta in mezzo (evidentemente è un trucco dei portieri albanesi) e disorienta il rigorista. Grande parata. Erlis nominato sul posto uomo telepiù. A questo punto entrano Battaglia, Valentino e Reda e io vado meritatamente negli spogliatoi a riscaldarmi. Mentre esco vedo Erlis che fa un'altra bella parata.
 
Nel finale abbiamo un po' subito (loro sono giovani) e mentre esco dallo spogliatoio e vado a sparare due boiate con Ciuso finalmente il Lions azzecca un'azione (l'attaccante difende un bel pallone al limite dell'area e serve l'inserimento di un centrocampista che si trova solo davanti a Erlis e non sbaglia) ma ormai è troppo tardi e la partita finisce 2-1.
 
Torniamo alla vittoria in maniera abbastanza convincente. Oggi l'attacco non ha brillato (e voi sapete il perché) ma il resto della squadra ha saputo compensare.
Un saluto dal vostro cronista.


Click here to visit the Radio UserLand website.
Click to see the XML version of this web page.
Click here to send an email to the editor of this weblog.
© Copyright 2005 Massimo Morelli.
Last update: 27/03/2005; 9.39.38.