Massimo Morelli's Weblog
A personal weblog on technology, science, books etc..








 

Bar Miki vs Due Madonne 0809

2009, chi avrebbe mai pensato di arrivarci. Giocando, intendo. Quest'anno la pausa invernale è stata particolarmente lunga e oziosa. Pioveva sempre il martedì e praticamente sono due mesi che non facciamo allenamento. Io, alla mia veneranda età ci tengo a non giocare sotto la pioggia per evitare dolorose rappresaglie della mia cervicale. Non è però che ci siano stati ingorghi in tangenziale anche da parte dei più giovani. Anzi.

Comunque siamo qui, da dove avevamo lasciato, come sempre messi in crisi dalle assenze. Il signore e padrone di Facebook, Corrado, ha organizzato una guerra contro una potenza straniera per privarci della sua presenza e di quella di Manuel e Rosario. Che poi mi sarebbe piaciuto incontrarlo per chiedergli COSA FUMA quando scrive su Facebook di potatura di meli e altre psichedelie simili.  Mario è infortunato, Cesare è a Londra che cerca di raggiungere il suo obiettivo di avere una fidanzata in ogni paese dell'unione europea. Gli ho detto che sarà dura col vaticano perché ormai è troppo vecchio per divertire i monsignori.

Arrivo presto al campo, anche per sottrarmi biecamente a una dura routine casalinga che lascio completamente in carico alla Santa Donna. In questo modo però mi tocca di sorbirmi le (palesemente inventate) avventure erotiche di Miceli che ieri sera "ha chiuso tutti i locali". Il Mic è arrivato a presentarsi al ristorante con una figurante per incontrare "casualmente" Nicola. Per fortuna poi arrivano tutti perché si stava entrando nel dettaglio farmacologico.

Formazione: Giampaolo Puletti, Marco Venturelli, Nicola Reda, Morelli, Piero Vittoria in difesa; Luca Miceli, Vincenzo di Rollo, Francesco Faggioli, Piergiuseppe; in attacco Manuel Mazzotta e Dario Nicolini. Sulla fredda panca, accanto a Enzo Nicolini e Maria scalpitano Gael Tanca, Nicola Coppini e Vittorio Nobile. Sono le 14, è piuttosto freddo e il campo è in discrete condizioni, nonostante le copiose piogge. Si capisce però che con il procedere della partita si rovinerà. L'arbitro è un poveraccio che ci ha arbitrato male altre volte. Durante l'appello capisco perché: insiste nel fare accendere la luce, nonostante siano le due del pomeriggio e lo spogliatoio abbia ampie finestre. Fatica tantissimo a leggere i nomi: ci vede come Bocelli.

Oggi il problema dovrebbe essere la difesa, in cui schieriamo due vecchi e due obesi. Se il bar Miki ha un attaccante veloce siamo fritti (ma per fortuna non ce l'ha). Nei primi minuti loro spingono con grande decisione, sono molto più in forma di noi. Noi ci difendiamo con ordine, però, e non corriamo grandi pericoli.  Loro ci aiutano insistendo nel lancio lungo contro la difesa schierata, cosa che ci facilita parecchio. Inoltre giocano sempre allo stesso modo, a ruoli bloccati, il che è buono così possiamo correre meno. Sulla fascia destra siamo più scoperti perché Piergiuseppe si spinge anche in avanti, ma Vincenzo e Francesco oggi fanno buona guardia al centro, mentre Piero, Ventu e Nicola si scambiano gli uomini con precisione e all'occorrenza spazzano senza fare complimenti. Miceli si mantiene sulla sinistra con l'autonomia propria di uno che ha già gli occhiali da lettura e Manuel e Dario provano a fare qualcosa in avanti ma sono abbastanza soverchiati.

Al quindicesimo punizione per noi sulla tre quarti. Batte Piero e il portiere respinge corto, un po' goffamente. Piergiuseppe è lestissimo e la mette dentro. 1-0 ma è appena cominciata. La reazione è intensa ma condotta allo stesso modo scriteriato, dal quale ci difendiamo con facilità. Certo che è dura perché il possesso di palla è loro al 90%. Passano i minuti e cominciamo a essere anche pericolosi in contropiede. Loro giocano altissimi per recuperare e si espongono alle folate di Dario che è molto più veloce di loro. Comincio quasi ad essere ottimista. Verso la mezzora un lancio sorprende Dario e Manuel in fuorigioco. Loro intelligentemente si disinteressano dell'azione, la difesa tarda a coprire e il portiere a uscire. Ne approfitta Miceli che parte da dietro e arriva primo sulla palla. E' solo e il portiere ha abortito l'uscita. Mic sceglie di fare un pallonetto e lo sbaglia clamorosamente tirando lentissimamente troppo sulla destra. Ho già fatto in tempo a dire "questa va fuori" che arriva come un razzo Piergiuseppe da dietro e fa in tempo a correggerla in rete. 2-0.

Il gol li demoralizza ed è il nostro miglior momento. Due volte Dario viene lanciato a rete ma sbaglia il tiro. Abbiamo anche un paio di corner e su uno Dario colpisce bene ma la palla va fuori di un soffio. E' a questo punto che interviene l'orbo vestito di nero cercando di rovinare la partita. Sul solito lancio lungo Piero interviene in scivolata in area prendendo nettamente il pallone che infatti si inchioda nel fango. Stevie Wonder fischia rigore. E' un rigore talmente assurdo che vengo ammonito per proteste, cosa che non avveniva da parecchi anni (di solito con i pazzi, con quelli che mi vogliono vendere qualcosa per telefono e con gli arbitri degli amatori non discuto). Fortunatamente il dieci tira il rigore a lato. Passano altri cinque minuti e Ray Charles si inventa un'assurda punizione a due in area perché Pierpaolo ha ritardato il rinvio. Dalla punizione nasce una mischia furibonda nella quale la palla finisce fra i piedi del dieci che da posizione ottima tira ancora alto. Grazie. Fine primo tempo. Dalla panchina dicono che Braille non ha visto l'ora e ci ha fatto giocare otto minuti di troppo.



Secondo tempo. Non cambia niente se non che la nostra preparazione atletica è scarsa e accorciamo ulteriormente la squadra. Loro devono tentare il tutto per tutto e attaccano a ranghi serrati. Hanno messo su un biondino veloce che ci crea qualche problema. Comincia la girandola dei cambi, entra Coppini per Miceli (che non ne ha più) e subito dopo Gael per Coppini (che si è infortunato immediatamente).  I minuti passano lentissimi. Entra anche Vittorio per Manuel. Benché non abbiano ancora avuto una occasione da gol, a parte le due regalate dal povero cieco ormai fanno un'azione ogni venti secondi. Battono 400 corner e Venturelli batte 6000 rinvii (oggi non ce l'avrei fatta a batterli io). Ormai manca poco. Piero è preso dai crampi, Gael si fa ammonire e anch'io rischio la seconda ammonizione per fermare il biondino. Hanno una grossa occasione ma la sbagliano e ormai siamo nei minuti di recupero. Finalmente è finita, dopo oltre novanta minuti.

Convincente vittoria di un Due Madonne rimaneggiato, che ha sfruttato al meglio la tattica catenaccio e contropiede che usava quand'ero giovane. Hanno giocato tutti molto bene e soprattutto per la squadra. Uomo telepiù Piergiuseppe per la doppietta.
Un saluto dal vostro cronista


Click here to visit the Radio UserLand website.
Click to see the XML version of this web page.
Click here to send an email to the editor of this weblog.
© Copyright 2009 Massimo Morelli.
Last update: 29/03/2009; 21.12.18.