Massimo Morelli's Weblog
A personal weblog on technology, science, books etc..








 

Due Madonne vs Ospedale Bellaria 0809

Oggi si gioca con l'Ospedale Bellaria. Sono tentato di chiedere se hanno un reparto neurologico per fare campagna acquisti e scambiare un po' di mattocchini, di cui abbiamo abbondanza. Mi trattengo solo perché il reparto geriatrico ce l'hanno di sicuro e ho paura di come andrebbe a finire la discussione. Io arrivo al campo in largo anticipo, da bravo UtNG (Umarells the Next Generation), come quegli Umarell che arrivano alla Coop alle sette di mattina e aspettano l'apertura in fila col carrello "Apre alle otto e mezza? Ma io sono in piedi dalle cinque!". Per non passare troppo da zio cerco di mimetizzarmi sedendomi su una panchina e fingendo di mandare messaggini col cellulare ad amici immaginari.

Quando arrivano tutti scopro che finalmente siamo in parecchi, tanto che non bastano i pantaloncini della muta e qualcuno di quelli in panchina resta in mutande sotto la tuta. Giochiamo al campo Dozza 3, campo discreto, con sole e tempo tiepido, un acconto di primavera. Io da buon Umarell sto comunque con la maglia di lana modello superpippo che non si sa mai, il freddo potrebbe darmi fastidio alla schiena. Peraltro scrivo questa cronaca con il plaid a scacchi sulle ginocchia. L'Ospedale Bellaria è quarto o quinto, comunque considerevolmente più avanti di noi in classifica e un bambinetto (immagino figlio di un Bellariese) prima di entrare in campo ci dice che perderemo.

La formazione è: Giancarlo Zagni in porta, Cesare D'Anna, Nicola Reda, Morelli, Piero Vittoria in difesa; Corrado Guarino, Vincenzo Di Rollo, Francesco Faggioli, Rosario Pettinato a centrocampo; Manuel Mazzotta e Dario Nicolini in attacco. La panchina è folta e l'anziano Miceli è passato dal giocare sulla fascia a fare il guardalinee, spostandosi di un metro. Un piccolo passo per lui un grande aiuto per le sue provate coronarie. Oltre al già citato sbandieratore, con Enzo e Maria ci sono Manuel Saulle, Antonio Barra, Marco Venturelli e Mario Sottile. Con tutti questi nomi mi sembra di essere Fazio, l'assistente di Montalbano con la sindrome dell'anagrafe.

Si comincia e sono dolori, perché i loro attaccanti sono molto veloci, cosa che mal si sposa con le nostre caratteristiche. Io ho il carrello della coop e non riesco ad acchiappare nessuno di quelli che scappano ai difensori. Per dieci minuti ci fanno neri, particolarmente sulla sinistra dove c'è un barbuto esterno molto veloce sulla fascia destra che salta sistematicamente l'uomo in velocità e va sul fondo a crossare.  Attaccano veramente in tanti e per fortuna che Faggioli si sacrifica al centro e che i difensori stringono i denti. Dopo diversi pericoli corsi alla fine segnano, con il dieci che si destreggia bene fra tre dei nostri e riesce a metterci in inferiorità, passaggio poi cross lungo dall'altra parte dove arriva uno in corsa e mette dentro di testa. 0-1. Continuano a premere ma non è che noi siamo inoperosi. Sia a destra che a sinistra Corrado e Rosario spingono parecchio. Inoltre loro attaccano in molti ergo difendono in pochi quindi siamo spesso uno contro uno.

La partita è un inferno per l'arbitro perché loro giocano altissimi e fanno il fuorigioco, mentre le loro punte giocano spesso di là da tutti. Questo comporta che spesso c'è un uomo lanciato a rete e qualcuno che si arrangia per fermarlo. Il povero arbitro deve sommare ad una sua oggettiva incapacità una situazione per nulla facile. Per i fuorigiochi si regola col solito sistema cioè tirando a caso, per i falli privilegiando normalmente la difesa. Continuamo a soffrire perché adesso, dal momento che siamo in svantaggio, Rosario, Corrado e Vincenzo tornano con il contagocce. In una occasione mi lancio anche in attacco e non solo non ottengo nulla ma rischio un infarto multiplo perché non riesco a fermare l'azione per tornare indietro nemmeno facendo falli a casaccio e finisco tutto l'ossigeno, compreso quello di domani. Sposto Cesare in mezzo scambiandolo con Nicola ma loro spostano il Barbudos di là e siamo da capo (ma adesso me lo aspetto e quando vedo un lancio lungo mi sposto subito per raddoppiare).

E' buffa la partita perché tutte e due le difese sono in minoranza. Sorvolo su un cospicuo numero di mezze occasioni da entrambe le parti. A un certo punto Manuel M. e Vincenzo rubano un pallone e lo danno a Dario che solo davanti al portiere non sbaglia. 1-1 e ci rimettiamo in carreggiata. La partita è apertissima e le difese sudano. Io non c'ho (più) il fisico e non riesco a tenere la mia difesa abbastanza alta quindi noi rischiamo di più. Ennesimo lancio lungo, Cesare controlla il pallone. L'attaccante lo spinge e riesce a toccare il pallone verso Giancarlo che in uscita respinge il pallone, poi travolge l'attaccante. L'invornito col fischietto si inventa che è rigore. Ormai non mi stupisco più di niente ma Giancarlo aveva respinto il pallone e solo un alcolista poteva interpretare l'azione a quel modo. Dopo lungherrime proteste il rigore è trasformato. 1-2. Fine primo tempo.

Nel secondo entra Manuel S. per il suo omonimo, Venturelli per Reda, Mario per Francesco. Essendo uscito Faggioli mi faccio giurare su quanto ha di più caro (Facebook) da Corrado che aiuterà la difesa. Nel secondo giochiamo meglio. Sarà che il Barbudos ha ridotto le sue scorribande, sarà che il loro allenatore ha finalmente giudicato scriteriato l'attaccare in otto, ci difendiamo con ordine e attacchiamo parecchio. Anche Manuel giovane è molto veloce e il loro giocare così alti li espone ai contropiedi. Subito Dario scappa sulla sinistra è mette in mezzo per il solissimo Manuel. Il passaggio è però troppo lungo e l'azione sfuma. Loro attaccano meno ma quando lo fanno sono pericolosi. Passano i minuti e aumentiamo la pressione, con tiri da fuori e mezze mischie. A metà del tempo finalmente, Corrado inventa un eurogol alla Gerard con una bomba dall'angolo dell'area su cui il portiere non può far nulla. 2-2 e partita apertissima.

Adesso attaccano loro, e prendono una traversa, ma tornano ad esporsi. Un paio di volte ci salviamo in affanno, di là un paio di fuorigiochi dubbi spengono azioni decisive. Dario reclama il rigore quando viene fermato in qualche modo da un difensore. A dieci minuti dalla fine un loro centrocampista lasciato solo scappa verso la porta. Non riesco a raggiungerlo ma lo rallento tirandogli la maglia fino al limite dell'area. Se si lasciasse cadere sarebbe fallo da ultimo uomo e potrei andare a riposarmi. Il susanello è grosso e se ne fotte del mio disturbo, entra in area ed è solo davanti a Giancarlo. Invece di tirare cerca il dribbling e lo sbaglia, poi si tuffa in maniera invereconda e viene giustamente ammonito. Sono entrati anche Antonio e Miceli e l'anziano non ne vuol sapere di rientrare perché vuole vincere. Ha ragione lui perché all'ennesimo contropiede di Dario un difensore lo stende in area. E' rigore per noi a pochi minuti dalla fine. Lo tira Miceli con grande freddezza. 3-2 per noi. Ormai sono tutti stanchissimi e gli ultimi minuti passano senza neppure una grande reazione. Fine. Io sono un signore e non cerco il cinquenne che ci aveva jettato all'inizio per fargli una pernacchia.

Questa è una partita che poteva finire 6-6.  L'abbiamo vinta perché siamo stati (stranamente) più concreti. Uomo telepiù a Dario e Corrado, l'uno perché determinante, l'altro per un gol di rara bellezza (peccato non avere il replay).  Un saluto dal vostro cronista.



Click here to visit the Radio UserLand website.
Click to see the XML version of this web page.
Click here to send an email to the editor of this weblog.
© Copyright 2009 Massimo Morelli.
Last update: 01/03/2009; 9.06.03.