Libri
Il piacere di girare le pagine








Subscribe to "Libri" in Radio UserLand.

quaranta

Click to see the XML version of this web page.

Click here to send an email to the editor of this weblog.


 12/26/05
 12/24/05
 12/22/05
 12/20/05
 12/19/05
 12/18/05
 12/17/05
 12/16/05
 12/15/05
 12/13/05
 12/13/05
 12/12/05
 12/11/05
 12/8/05
 12/7/05
 12/6/05
 12/5/05
 12/5/05
 12/1/05
 11/30/05
 11/29/05
 11/27/05
 11/26/05
 11/25/05
 11/25/05
 11/24/05


miniXmlCoffeeMug.gif miniXmlButton.gif


sabato 8 novembre 2003
 

Non l'ho capito proprio tutto. D'altronde era nelle premesse, quando uno scrive nella prefazione che il libro è mirato a tre categorie: gli spettatori, i dilettanti e i professionisti, è fatale che la categoria nel mezzo risulti un po' schiacciata. Non sono un professionista (più acusmatico che matematico), quindi non ho capito tutto.

Il libro è lo spettacolare "Il diavolo in cattedra", ancora di Odifreddi (per un po' non ne leggo più, lo giuro) che parla della logica, dal punto di vista storico, filosofico e matematico. I capitoli difficili sono contrassegnati con un asterisco e attenzione quando lo vedete perché potrebbe essere l'ultima cosa che capite. In realtà scherzo, ma non troppo. Solo a una seconda lettura ho percepito qualcosa di utile sotto le malefiche stellette.

Mi sento di consigliarlo anche se non ho capito tutto (non so se l'ho già detto) perché la parte di aneddoti, ricostruzioni storiche e semplici rievocazioni di cose che una persona colta dovrebbe conoscere (e che io perciò ho letto per la prima volta) è parecchio interessante. E a noi che stiamo nel mezzo (matematicamente) piace farci maltrattare intellettualmente. E poi fa piacere sapere cosa sono il modus ponens, la consequentia mirabilis e l'ex falso quodlibet.

Sarete sommersi da ragionamenti che da Aristotele in poi (passando dagli stoici e Crisippo che doveva essere una bella testa d'uovo) arrivano ai matematici dei giorni d'oggi. La logica proposizionale ancora si digerisce, ma quando si arriva alla logica predicativa (in pieno asterisco), a Goedel, Turing, Church e compagnia, l'aria è troppo sottile, senza bombole è dura. Mi piacerebbe che qualcuno mi spiegasse come cavolo funziona il lambda calcolo che (sono andato a rivedere) è la terza volta che leggo senza capire (dopo GEB di Hofstadter e La mente nuova dell'imperatore di Penrose).

Comunque mi rimane la soddisfazione di aver (quasi) compreso alcune altre cosette che mi erano sempre sfuggite e essermi divertito assai. Mi è rimasta anche la controprova che i filosofi spesso sbarellano, solo che non se ne accorge nessuno tranne quando la loro filosofia viene assorbita dalla matematica (come è parzialmente capitato alla logica). Wittgenstein, Russell, Leibniz, gli scolastici, Aristotele, Platone sono spesso presi in castagna. Uno invece che si salva sempre è Kant, tanto di cappello.

E siccome da una proposizione falsa si può provare qualsiasi cosa (ex falso quodlibet), ho capito molto meglio come funzionano certi ragionamenti: se manca solo una rotellina all'inizio, tutti i castelli (sofistici) non sono che lacrime nella pioggia.


12:51:11 PM      comment []



Click here to visit the Radio UserLand website. © Copyright 2005 Massimo Morelli.
Last update: 27/12/2005; 10.31.37.site index

Novembre 2003
Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
Ott   Dic


Top 5 hits for La meravigliosa gestione delle Autostrade on..
Google
1.Massimo Morelli's Weblog
2.Massimo Morelli's Weblog
3.Massimo Morelli's Weblog
4.Massimo Morelli's Weblog
5.Massimo Morelli's Weblog

Help link 27/12/2005; 10.25.01.