Libri
Il piacere di girare le pagine









Subscribe to "Libri" in Radio UserLand.

quaranta

Click to see the XML version of this web page.

email: momo.morelli at tiscali.it


 6/13/10
 6/2/10
 5/26/10
 5/23/10
 5/22/10
 5/16/10
 5/15/10
 5/8/10
 5/2/10
 5/1/10
 4/25/10
 4/23/10
 4/18/10
 4/10/10
 4/6/10
 4/2/10
 3/24/10
 3/21/10
 3/19/10
 3/10/10
 3/6/10
 3/6/10
 2/28/10
 2/26/10
 2/21/10
 2/17/10


domenica 16 maggio 2010
 

"Olympos", di Dan Simmons, è il seguito la conclusione di Ilium (che avevo commentato qui  ma il commento si è cancellato assieme a quasi tutti i post di dicembre e gennaio, grazie a un sussulto di agonia dell'anzyano software con cui questo blog è gestito ).

La straordinaria ambizione di quest'epopea fantascientifica è quella di mescolare Omero e guerra di Troia con Shakespeare, Proust e i poeti inglesi del diciannovesimo secolo, e inserirli in una storia ambientata qualche migliaio di anni nel futuro, dove robot umanoidi, post-umani, dei eroi e creature infernali si contendono l'attenzione del lettore.

E' uno sforzo straordinario, che a tratti ti tiene incollato alla pagina. Simmons compie uno sforzo immaginativo enorme anche perché cerca di evitare scappatoie facili da sceneggiatori di Lost e contemporaneamente giustifica l'epopea mitologica con pretese scientifiche da Hard SF.

Non si può che ammirare Simmons, e se sono arrivato in fondo a Ilium/Olympos, tabaccandomi centinaia di pagine in cui mostri antropofaghi parlano con la voce di Shakespeare e il momento cruciale è deciso da un androide a forma di granchio che spara citazioni di Proust a paginate non è solo perché volevo sapere come sarebbe andata a finire (per quello c'è internet, grazie a Zeus).

Non ce la fa però Simmons, perché non prende scorciatoie e il passo è talmente lungo che nessuna gamba ci può arrivare. Quando la trama prende deviazioni di decine di pagine solo perché l'autore vuole far citare a un personaggio una poesia di Yeats o Eliot e vuole che questa quadri con la trama io vado molto vicino a perdere la pazienza. Inoltre il finale non può che scappare di mano e un paio di Dei ex Machina sono inevitabili.

Tanto di cappello comunque a Simmons, che se non arriva alle vette fantahorror di Hyperion  (non che non ci provi, ma lo Shrike si mangia Setebos a colazione)  costruisce comunque un'opera impressionante.




1:27:12 PM      comment []



Click here to visit the Radio UserLand website. © Copyright 2010 Massimo Morelli.
Last update: 13/06/2010; 18.29.39.site index

Maggio 2010
Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
Apr   Giu